1

ospedale vercelli assessore icardi

VERCELLI  21-11-2019 «Con la cancellazione dall’atto aziendale

 

della scritta “oncologia senza posti letto”, sarà finalmente rimosso l’ostacolo che in questi anni ha impedito il ricovero in reparto degli assistiti che effettuano le terapie oncologiche. A breve, quindi, la Regione potrà attivarsi per garantire i posti letto necessari, andando incontro a una reale e legittima necessità del territorio». Così l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, nella conferenza stampa convocata oggi all’ospedale di Vercelli per annunciare le novità riguardanti il reparto di Oncologia. Al suo fianco, il presidente della Commissione Sanità del Consiglio regionale del Piemonte, Alessandro Stecco: «Abbiamo sollecitato l’intervento dell’assessore per dare una risposta alle aspettative dei cittadini vercellesi che da molti anni chiedono, dopo aver avuto accesso alle terapie oncologiche, di non essere costretti a ricoverarsi in altri reparti per la necessaria assistenza connessa alle prestazioni ricevute. A fronte di ottimo personale sanitario, in questi anni il malato oncologico a Vercelli ha visto sparire i letti di degenza con personale dedicato, difficoltà nell'intraprendere un percorso diagnostico e terapeutico completo e persino la scomparsa delle indicazione dalla cartellonistica informativa. Ci sono state molte mobilitazioni dei cittadini… ricordo la fiaccolata nel piazzale all'ingresso dell'ospedale, la raccolta firme del Comitato Salviamo l'Ospedale, i numerosi interventi a tutti i livelli, compreso l'Ordine dei medici. Ringrazio l’assessore che in pochi mesi è riuscito a sbloccare la situazione. Certamente si tratta di una buona notizia per il territorio che mi onoro di rappresentare assieme al consigliere Dago».

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.