1

carabinieri soldi cc

 

VERCELLI 20-11-2020 Gli investigatori del Nucleo

 

investigativo di Vercelli hanno identificato e deferito 2 persone per
truffa. Avevano escogitato uno stratagemma molto redditizio, inserendo in un sito specializzato di manutenzione delle caldaie un numero di cellulare da chiamare in caso di guasto. Ieri mattina, però, ad attenderli sotto casa dell’ignara vittima di Borgo Vercelli c’era una pattuglia dei carabinieri del Nucleo Investigativo che da tempo stanno svolgendo dei servizi tesi ad infrenare il fenomeno delle
truffe.
In questo periodo, a causa della pandemia da covid-19, in cui le persone sono costrette a permanerein casa, vista l’approssimarsi del freddo invernale, una delle richieste più frequenti è quella della manutenzione della caldaia, che viene fatta, talvolta ricorrendo a siti on line non sicuri e che possono celare insidie, soprattutto se il prezzo appare molto più co veniente di quanto si possa
immaginare.
Ieri, l’ignara vittima di Borgo Vercelli voleva manutenere la propria caldaia ed ha contattato un numero di cellulare ove era garantito l’intervento in giornata. Sul posto sono giunti dopo poco due presunti idraulici che, di fronte alla caldaia del 40 enne, hanno cominciato a rappresentargli che l’intervento era purtroppo più oneroso del previsto e che doveva sborsare 400 euro. La vittima, piuttosto che rimanere al freddo, ha ceduto alle pressioni pattuendo un intervento per la somma di 300 euro che consegnava immediatamente, senza ottenere alcuna ricevuta. In realtà, dopo 5 minuti i due asserivano di aver già eseguito il lavoro, uscendo dall’abitazione, ove però, ad attenderli c’erano i carabinieri del Nucleo Investigativo di Vercelli, che li hanno presi in consegna ed hanno preso loro il denaro, poi restituito alla vittima che è stata accompagnata in caserma a Vercelli per la
denuncia di truffa.
I due malfattori, entrambi di Bollate (Mi) sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Vercelli per truffa in concorso. Uno di questi, già con precedenti della stessa indole, è stato altresì munito di f.v.o. per tre anni dal Comune di Borgo Vercelli.
L’invito che viene rivolto alla comunità Vercellese è duplice: il primo è quello di presentarsi in caserma qualora vittime di analoghi raggiri al fine di riconoscere i malfattori e poter così adire alle vie legali per ottenere un risarcimento ed il secondo è di non ricorrere a simili espedienti poichè oltre alla truffa, la caldaia non risulterebbe regolarmente manutenta e quindi pericolosa per la
salute.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.